Geni Pontassuglia

Il mio vero nome è Eugenia, ma da quando sono nata tutti mi chiamano Geni, lo stesso nome con il quale, dal primo decennio del secolo scorso, chiamavano la mia nonna paterna, che purtroppo non ho mai conosciuto.

Superati i 50 anni da circa un anno e mezzo, ho studiato e vissuto sempre a Bari fino a quando, nello stesso giorno (il 2 settembre del 1991), non diventavo moglie di Giuseppe Castellana Soldano e Magistrato.

Da allora ho iniziato a fare la spola tra Bari e Casamassima e a capire che per muoversi occorreva guidare.

Dopo aver lavorato per qualche anno a Taranto e aver trascorso quasi venti anni alla Procura della Repubblica di Bari, da pochi giorni sono diventata un “magistrato romano” con la prospettiva di pendolare settimanalmente tra Roma , Bari e… Casamassima, il mio rifugio preferito.

Ho due figli meravigliosi che hanno superato ogni mia aspettativa in tema di maternità: Antonio, studente di giurisprudenza a Roma, e Stefano , tra qualche giorno maggiorenne, impegnato a concludere l’ultimo anno di liceo classico ed intenzionato a seguire lo stesso percorso del fratello.

Ho avuto tante passioni passeggere legate ai diversi periodi della mia vita, ma quelle che resistono e mi fanno stare bene sono poche: i viaggi, i libri, la cucina creativa ovvero inventata al momento.

Il mio cruccio più grande è sempre stato quello di non riuscire a destinare tempo alle cose che mi piacciono ed è per questo motivo che sono profondamente grata alle meravigliose amiche di “Donne in Corriera” per avermi fatto apprezzare il piacere di condividere quelle stesse passioni con semplicità e sincerità.

PROSSIMI EVENTI